BANDO DI CONCORSO PUBBLICO REGIONALE STRAORDINARIO PER TITOLI PER L’ASSEGNAZIONE DELLE SEDI FARMACEUTICHE DISPONIBILI PER IL PRIVATO ESERCIZIO NELLA REGIONE LAZIO.

Art. 11 DL 24 gennaio 2012 n. 1 convertito con modificazioni nella legge 24 marzo 2012 n. 27-1

E’ indetto un pubblico concorso per soli titoli per la formazione della graduatoria unica regionale nella Regione Lazio per l’assegnazione di complessive n. 279 pari alle sedi farmaceutiche di nuova istituzione e a quelle vacanti, nonchè per le sedi farmaceutiche eventualmente resesi vacanti a seguito delle scelte effettuate daivincitori di concorso straordinario. L’elenco delle sedi è allegato al presente bando.

Requisiti per l’ammissione al concorso:

Ai sensi dell’art.11 comma 3 possono partecipare al concorso straordinario i farmacisti che rientrano nelle seguenti fattispecie:

a. non titolari di farmacia in qualunque condizione professionale si trovino;
b. titolari di farmacia rurale sussidiata;2
c. titolari di farmacia soprannumeraria;3
d. titolari di esercizio di cui all’art. 5 comma 1 del decreto legge 4 luglio 2006 n. 223, convertito con modificazioni nella legge 4 agosto 2006 n. 248;
e. soci di società esclusivamente titolare di farmacia rurale sussidiata o di farmacia soprannumeraria, a condizione che la società non sia titolare anche di farmacie prive delle predette caratteristiche.
e che alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:
1. cittadinanza italiana, ovvero, di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
2. età compresa tra 18 e 65 anni non compiuti;
3. possesso dei diritti civili e politici;
4. laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche;
5. iscrizione all’albo professionale dei farmacisti;
6. non aver ceduto la propria farmacia negli ultimi 10 anni 4.

Partecipazione in forma associata

Possono partecipare al concorso per la gestione associata tutti i candidati in possesso, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda, delle condizioni sopra riportate.

Limite alla partecipazione

Ciascun candidato può partecipare al concorso in non più di due Regioni o Province autonome.

Domanda di partecipazione al concorso

La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata esclusivamente con modalità web tramite la piattaforma tecnologica ed applicativa unica appositamente realizzata dal Ministero della Salute collegandosi al sito internet del Ministero della Salute dove è, in apposita sezione, rinvenibile il modulo on-line di candidatura, unitamente a tutte le istruzioni relative all’utilizzo della citata funzionalità web.

Il termine di presentazione della domanda, previsto a pena di irricevibilità, scade alle ore 18 del trentesimo giorno successivo a quello della data della pubblicazione del bando nel Bollettino ufficiale della Regione Lazio.

Il candidato è tenuto a dichiarare, a pena di inammissibilità della domanda 7:
1. nome, cognome, codice fiscale, estremi del documento di identità data e luogo di nascita, luogo di residenza e recapito telefonico, indirizzo PEC al quale perverrà ogni comunicazione relativa al concorso;
2. di essere in possesso della cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell’Unione Europea;
3. il Comune nelle cui liste elettorali è iscritto.
Il cittadino membro dell’U.E. rilascia la dichiarazione corrispondente in relazione all’ordinamento dello Stato di appartenenza;
4. di possedere la Laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, specificando la data, il luogo, l’Università di conseguimento e la votazione riportata;
5. di essere iscritto all’Albo Professionale dei Farmacisti;
6. di non aver riportato condanne penali definitive che precludano o escludano, ai sensi delle vigenti disposizioni, l’esercizio della professione di farmacista;
7. di non aver ceduto la farmacia negli ultimi 10 anni;
8. di non partecipare a più di due concorsi straordinari8;

In caso di partecipazione in forma associata è necessario individuare un referente al quale saranno inviate le comunicazioni inerenti il concorso. Nella domanda devono essere riportati gli estremi del versamento del contributo di partecipazione al concorso, non rimborsabile, pari ad € 50,00 effettuato tramite c/c postale n. 785014 intestato alla Regione Lazio (Cod. Iban: IT50 A076 0103 2000 0000 0785 014) indicando la causale del versamento “partecipazione al concorso straordinario a sedi farmaceutiche nella Regione Lazio”. Nel caso di domanda di partecipazione in gestione associata è dovuto un solo versamento del contributo di partecipazione al concorso.
Le pubblicazioni devono essere trasmesse alla Regione Lazio in forma cartacea a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine di scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso. La data di spedizione è comprovata dal timbro postale. Non saranno comunque accettate le pubblicazioni che, sebbene spedite entro i termini indicati, perverranno alla Regione oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza del bando. I termini di cui sopra sono perentori.

La busta contenente le pubblicazioni dovrà recare la dicitura “Concorso regionale straordinario per titoli per l’assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Lazio”. L’Amministrazione Regionale non potrà essere ritenuta responsabile del tardivo ricevimento o dello smarrimento della documentazione imputabile a fatto di terzi, caso fortuito o forza maggiore. Le pubblicazioni trasmesse in copia dovranno essere corredate da un elenco delle stesse corrispondente a quello indicato nella domanda, datato e firmato e da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, nella quale il candidato attesti che si tratta di copie conformi agli originali in suo possesso, alla quale va obbligatoriamente allegata copia fotostatica di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Irricevibilità della domanda, cause di esclusione e di non ammissione al concorso

Le domande presentate in forma e/o con modalità diverse da quelle previste dall’articolo 5 del bando sono considerate irricevibili.
Costituisce motivo di non ammissione al concorso: il difetto anche di uno solo dei requisiti di cui all’art. 2; l’omissione di una delle dichiarazioni indicate come obbligatorie ex art 5 del bando;
In caso di partecipazione in forma associata, le cause di irricevibilità, di esclusione e di inammissibilità relative ad uno degli associati determinano l’esclusione dal concorso di tutti gli altri componenti l’associazione medesima.
La mancata ammissione al concorso sarà resa nota al candidato tramite comunicazione all’indirizzo PEC dallo stesso indicata nella domanda.

Commissione esaminatrice

Ai sensi del comma 4 dell’art 11 entro trenta giorni dalla pubblicazione del presente bando, la commissione esaminatrice è istituita in conformità a quanto previsto dall’art. 3 del D.P.C.M. 30.3.1994, n. 298 e s.m.i..

Valutazione dei titoli

La valutazione dei titoli verrà effettuata secondo quanto previsto dal DPCM n. 298/1994 e s.m.i. e dall’art 11, cosi come modificato dalla legge 7 Agosto 2012 n. 135. La Commissione determina i criteri per la valutazione dei titoli per quanto non espressamente indicato nel presente bando e nella normativa vigente. Ai fini del calcolo del periodo di esercizio professionale l’ultima data utile è quella di pubblicazione del presente bando.

In caso di partecipazione al concorso per la gestione associata, la valutazione dei titoli sarà effettuata sommando i punteggi di ciascun candidato fino alla concorrenza del punteggio massimo previsto dal DPCM n. 298/1994 e s.m.i. rispettivamente per ciascuna voce 9 .
Documenti o titoli di merito presentati dopo il termine di scadenza della domanda di partecipazione al concorso non saranno presi in considerazione.
L’attività a tempo parziale inferiore o uguale a venti ore settimanali viene valutata nella misura del 50% del punteggio previsto per i relativi profili professionali.
All’attività svolta dal farmacista titolare o collaboratore di esercizio di cui all’articolo 5, comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, si applica la maggiorazione del 40% , fino ad un massimo di 6,50 punti, ove sussistano le medesime condizioni di cui all’art. 9 della Legge 221/196810.
I titoli di servizio relativi ai periodi di attività svolti presso gli esercizi commerciali di cui all’art. 5, comma 1, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, dovranno essere validamente documentati nelle forme di legge.
Ai fini della valutazione delle pubblicazioni sono presi in considerazione esclusivamente i lavori scientifici editi, a mezzo stampa, nel decennio precedente alla data di pubblicazione del presente bando. Non verranno valutati lavori dattiloscritti, manoscritti o bozze di stampa.
Dalla valutazione dei titoli di aggiornamento professionale ex art. 6 comma 1 lett. h) del DPCM 298/94 sono esclusi i corsi ECM.
Sono valutati come titoli di aggiornamento professionale ai sensi della norma sopracitata soltanto quelli conseguiti nei cinque anni precedenti alla data di pubblicazione del presente bando.

Formazione della graduatoria

La Commissione, conclusa la valutazione dei titoli, predispone la graduatoria di merito dei candidati sulla base del punteggio conseguito. La Commissione si avvale del supporto tecnico informatico di cui all’art. 5 del presente bando, messo a disposizione dal Ministero della Salute. A parità di punteggio prevale il candidato più giovane.
In caso di partecipazione al concorso per la gestione associata, ai soli fini della preferenza, a parità di punteggio si considera la media dell’età dei candidati che concorrono congiuntamente 11. Tale media verrà considerata alla data di scadenza del bando. In caso di parità di punteggio e di uguale data di nascita, la posizione in graduatoria verrà estratta a sorte dopo aver convocato i candidati interessati.

Approvazione della graduatoria e interpello dei vincitori

La Regione approva la graduatoria unica definitiva dei vincitori e la pubblica sul Bollettino Ufficiale della Regione.
La Regione interpella i candidati vincitori 12 i quali entro il quinto giorno successivo a quello in cui hanno ricevuto l’interpello devono indicare, a pena di esclusione dalla graduatoria, in ordine di preferenza, un numero di sedi messe a concorso pari al numero della propria posizione in graduatoria. L’avviso della pubblicazione della graduatoria e l’interpello di cui ai precedenti commi si svolgono mediante il supporto informatico di cui all’art. 5 del presente bando.

Assegnazione della sede farmaceutica

Le sedi messe a concorso sono assegnate con le seguenti modalità:
a) ad ogni vincitore è assegnata la prima sede da lui indicata in ordine di preferenza, che non risulti assegnata a un candidato meglio collocato in graduatoria;
b) entro quindici giorni dall’assegnazione il vincitore del concorso deve dichiarare se accetta o meno la sede assegnata;
c) l’inutile decorso del termine concesso per la dichiarazione equivale a una non accettazione;
d) durante il periodo di validità della graduatoria, le sedi non accettate dopo la scadenza del termine di cui alla lett. b), quelle non aperte nei termini previsti, nonché quelle resesi vacanti 13 a seguito delle scelte effettuate dai vincitori di concorso verranno assegnate scorrendo la graduatoria con le medesime modalità dei punti precedenti.
La sede assegnata dovrà essere aperta improrogabilmente entro 6 mesi dall’accettazione della stessa.

Cause di esclusione dalla graduatoria

I vincitori di concorso sono esclusi dalla graduatoria e dalla sede a loro assegnata nei seguenti casi:
a) rinuncia esplicita alla sede;
b) omessa risposta all’interpello di cui all’art. 10 14;
c) indicazione, in ordine di preferenza, di un numero di sedi inferiore al numero della propria posizione in graduatoria;
d) l’inutile decorso del termine concesso per la dichiarazione di cui all’art 11 lettera c),
e) mancanza di uno dei requisiti di cui all’art 2 emersa successivamente all’interpello;
f) non accettazione, a qualsiasi titolo e per qualsiasi ragione, della sede proposta.
In caso di partecipazione in forma associata è causa di esclusione dalla graduatoria anche il verificarsi dell’ipotesi sub e) anche in capo a uno solo degli associati.
L’esclusione dalla graduatoria è resa nota al candidato tramite comunicazione all’indirizzo PEC dallo stesso indicata nella domanda.

Accertamento dei requisiti

In qualsiasi fase del concorso o momento successivo all’assegnazione della sede, qualora emerga la non veridicità di quanto dichiarato dal concorrente, rilevata a seguito dei controlli previsti per legge o comunque accertata, il medesimo concorrente decade dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera15.

 

Scarica qui il Bando per il Concorso Straordinario Sedi Farmaceutiche Bando Regione Lazio

Ricordiamo cha FarmaForum è a vostra disposizione per la ricerca del Socio ideale