Print Friendly

Sono già disponibili nelle farmacie private di Modena e provincia i salvadanai destinati alla raccolta di fondi a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto. AGIFAR Emilia Romagna, con il patrocinio di FENAGIFAR (Federazione Nazionale Giovani Farmacisti Italiani), degli Ordini dei farmacisti e delle Federfarma di Modena, Ferrara e Bologna, nei giorni scorsi ha avviato un’iniziativa di solidarietà in favore dei cittadini delle provincie danneggiate dal sisma.

A seguito del terremoto del 20 maggio scorso l’associazione si era da subito mobilitata attivando un conto corrente – presso Banca Prossima, del gruppo Intesa San Paolo – destinato a raccogliere contributi per le vittime del terremoto. Ora, grazie alla presenza dei salvadanai personalizzati, l’impegno dei giovani farmacisti a sostenere chi si trova in difficoltà si fa più concreto. Inoltre nei prossimi giorni i salvadanai per la raccolta diretta dei fondi arriveranno anche nelle farmacie di Ferrara e Bologna, che a loro volta aderiscono all’iniziativa.

Grazie all’impegno dei titolari delle farmacie private attive sul territorio delle tre provincie, la raccolta di fondi sarà portata avanti in modo diretto in quasi 500 farmacie. I contributi così raccolti saranno poi versati sul conto corrente dedicato, a cui possono fare riferimento anche i cittadini per effettuare una donazione.

Di seguito gli estremi del conto corrente per effettuare i versamenti:

Banca Prossima del gruppo INTESA SAN PAOLO

“Agifar Emilia Romagna” – Causale: Terremoto Emilia 2012-05-23

Codice Iban: IT86 U033 5901 6001 0000 0067 279

Codice Bic: BCITITMX

  • http://www.facebook.com/people/Giuliana-Capolupo/1421785707 Giuliana Capolupo

    chissà se anche per questo terremoto verrà chiesto ai farmacisti titolari il contributo di solidarietà (che per l’abruzzo è passato sotto silenzio da parte dei media). spero che almeno questa volta venga sottolineato dalle nostre rappresentanze la nostra generosità come categoria, visto che siamo dipinti come delle sanguisughe assetate di danaro.