‘Salute: diritto per tutti’, Casoria riscopre la tradizione del caffè sospeso: «Si può (e si deve) fare anche con i medicinali»

0
541

“Salute: diritto per tutti”, mercoledì 21 marzo, alle ore 19.30 presso la sala dell’aula consiliare del Comune di Casoria, sarà presentato il progetto ideato dal poliambulatorio ‘Medicina Solidale San Ludovico da Casoria ONLUS’ e patrocinato dall’Ordine dei farmacisti della provincia di Napoli e dal Comune di Casoria.

Il progetto è nato sulla scorta della tradizione napoletana del ‘caffè sospeso’, ovvero pagato dai clienti dei bar per consentire ai più poveri di poterne bere uno gratuitamente.

A Casoria, grazie al coinvolgimento delle farmacie del territorio e al libero contributo dei cittadini, sarà possibile raccogliere fondi per l’accesso ai farmaci e ai presidi sanitari per chi è in difficoltà economica.

La situazione contingente e le numerose problematiche che coinvolgono oggi un numero sempre maggiore di famiglie, rendono a volte difficile anche sostenere il costo dei farmaci importanti per la cura delle più svariate patologie mediche

«Il diritto alla salute, in una società che vive di precariato come la nostra, viene spesso calpestato e per molti oggi curarsi è diventato un lusso».

Così esordisce il presidente del poliambulatorio, il dottor Pasquale Longhi che continua: «Sono sempre di più le persone che negli ultimi anni, a causa delle difficoltà economiche, non possono permettersi i farmaci necessari. Per questo il nostro poliambulatorio, che da anni opera sul territorio casoriano grazie all’apporto di volontari e medici specialisti che prestano gratuitamente visite e consulenze, lancia a Casoria questa iniziativa basata soprattutto sulle donazioni e sul coinvolgimento delle farmacie della città. Sarà importante inoltre creare una rete tra farmacie, associazioni di volontariato e medici di base per individuare i cittadini che versano in condizioni di difficoltà e che beneficeranno del contributo».

Alla manifestazione, che cade nel giorno di inizio della primavera, ci sarà il presidente dell’ordine dei farmacisti di Napoli, Vincenzo Santagada, il sindaco di Casoria Pasquale Fuccio, l’assessore alla cultura Fabio Espositio, i rappresentanti delle istituzioni civili, religiose e scolastiche del territorio e del mondo dell’associazionismo e del volontariato.