ANTITENATICA su Striscia la notizia, Di Iorio (Federfarma Napoli) scrive a Luca Abete

0
1227
Print Friendly, PDF & Email

Egregio Luca Abete,

 

Relativamente al servizio da te realizzato sulla carenza di antitetanica, andato in onda ieri sera nel corso della trasmissione Striscia la Notizia, evitando di aprire, per ora, infruttuose polemiche, tengo a precisarti quanto segue.

 

Non entro nel merito del contenuto del servizio col quale si evidenzia, per altro, una criticità già tempestivamente portata da me all’attenzione sia mediatica (cfr. da ultimo articolo de Il Mattino del 16 ottobre scorso:

https://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/odissea_antitetanica_corto_le_farmacie_napoletane-3305696.html), sia istituzionale. Il problema esiste ed è evidentemente documentato anche nel tuo servizio; trovo anzi fruttuoso l’immediato intervento dell’Agenzia Nazionale del Farmaco che ha autorizzato l’acquisto in deroga dell’immunoglobulina dall’estero (http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2017/11/06/carenza-di-antitetanica-aifa-autorizza-import-in-deroga_c02f1405-ca9e-4438-b48d-9fe4f87c9c0b.html). I farmacisti stessi, tra l’altro, ne sono primi testimoni allorquando i cittadini, giustamente allarmati, chiedono l’immunoglobulina antitetanica in farmacia.

 

Ciò che mi colpisce negativamente, e che contesto, è la superficialità con la quale, siano state “estorte”, presso i nostri uffici, dichiarazioni rese da persone non a tale scopo destinate e che, per pura umanità, hanno risposto ed argomentato ad un ignoto interlocutore, qualificatosi quale congiunto di un cittadino bisognevole di un medicinale, il quale però non lasciava nome cognome e recapito per essere successivamente dallo scrivente contattato e compiutamento edotto della situazione. Ti evidenzio, inoltre, come le tue affermazioni allarmistiche rispetto alla “necessità di evitare ogni infortunio sul territorio campano per la mancanza dell’antitetanica”, non trovino riscontro nella realtà, dal momento che, seppur tra tante difficoltà, la nostra Regione riesce a fronteggiare le richieste ed ad indicare le soluzioni. Non è un caso se decessi per tetano non si siano mai verificati in Campania, semmai altrove.

Nel sottolinearti, infine, che la farmacia napoletana, che orgogliosamente rappresento, è sempre pronta ad accogliere i cittadini che ne hanno necessità, ti ribadisco il mio personale recapito telefonico (3346655402), disponibile per ogni tua eventuale esigenza purché finalizzata a risolvere e non a distorcere problemi. Con l’occasione ti rinnovo l’invito in Federfarma Napoli per restituirti la “pigna” immeritatamente a me consegnata anni fa e da te non ancora ritirata, nonostante la criticità dei presidi per diabetici da te lamentate siano state prontamente risolte, sebbene cadute tra una Domenica di Pasqua ed il successivo Lunedì in Albis.

Distinti Saluti                                                                                                         Michele Di Iorio