ISS, nasce il nuovo comitato etico

0
225
Print Friendly, PDF & Email

I nuovi membri sono il dottor Carlo Petrini, esperto di bioetica dell’Istituto Superiore di Sanità; il dott. Giampaolo Tortora, Oncologo dell’Università di Verona; il dott. Giulio Corgatelli, Medico di Medicina Generale; l’Ing. Carla Daniele del Dipartimento Tecnologie e Salute dell’ISS; il Prof. Raffaele Landolfi, clinico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore; il Cons. Guido Carpani dell’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Medici (EMPAM), la dottoressa Roberta Marcoaldi, esperto di dispositivi medici, Direttore dell’Organismo Notificato per i dispositivi medici e la valutazione dei Cosmetici dell’ISS; la dottoressa Rosaria Iardino, rappresentante dei Pazienti, dell’Associazione Donne in Rete onlus; la dottoressa Fiorella Malchiodi Albedi, clinico del Centro Ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci dell’ISS; la dottoressa Simona Pichini, del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’ISS; Mons. Andrea Manto, medico esperto in bioetica del Vicariato di Roma; il prof. Maurizio Pocchiari, Direttore del Dipartimento di neuroscienze dell’ISS; la dottoressa Patrizia Popoli, farmacologa, Direttore del Centro ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci dell’ISS; il dott. Giovanni Rezza, epidemiologo, Direttore del Dipartimento Malattie infettive dell’ISS, il professor Marco Salvatore, esperto di tecniche diagnostiche e terapeutiche dell’Università Federico II di Napoli; il dottor Marco Silano, esperto in nutrizione, del Dipartimento Sicurezza alimentare, Nutrizione e Sanità pubblica; il dott. Marco Tartaglia, biogenetista, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

 

“Abbiamo lavorato a lungo sulla composizione del nuovo Comitato in modo da garantire l’alto profilo dei suoi componenti – ha affermato Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità – Siamo certi infatti che l’alto livello scientifico e culturale e le personali doti dei membri di questo comitato, garantiscano la capacità di offrire da diverse prospettive uno sguardo profondo e articolato in grado di misurare con equilibrio le istanze diverse e talora divergenti tra loro che queste difficili tematiche portano con sé. Desidero inoltre – conclude Ricciardi – ringraziare il precedente Comitato per il prezioso lavoro svolto negli ultimi tre anni e in particolare l’apporto del professor Dino Amadori che ha presieduto in maniera eccellente lo svolgimento dei lavori con scrupolo e rigore, qualità indispensabili in ogni approccio di natura etica”.

 

Il Comitato, composto da 20 membri, ha una durata triennale e ha il compito di fornire pareri e consulenze sull’attività di competenza dell’ISS. La valutazione etica può riguardare anche progetti epidemiologici, valutativi e medico sociali che richiedono la raccolta di dati personali, i progetti che richiedono l’impiego di animali e quelli che potrebbero porre problemi di politica ambientale.

 

Il Comitato eleggerà, in base al decreto istitutivo, il suo presidente, il Segretario e il Vicesegretario.