IL CONTRIBUTO DEI FARMACISTI VERONESI ALLA MANIFESTAZIONE “TOCATÌ”

0
194
Print Friendly, PDF & Email

Si intensifica la collaborazione tra Federfarma con l’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona e “Tocatì” con l’Associazione Giochi antichi” per garantire alla manifestazione internazionale insieme alla Croce Verde un valido presidio sanitario. Durante tutto l’arco del Festival Internazionale dei Giochi in Strada che si svolgerà dal 14 al 17 settembre 2017 verranno donate ai cittadini, attraverso gli info point dislocati in tutta l’area dei giochi, 12.000 copie dell’opuscolo tascabile a cura di Federfarma Verona “La Salute per tutti”. Nella brochure sono disponibili in 7 lingue i numeri di emergenza, i punti di Pronto Soccorso, l’identificazione delle farmacie in turno di Guardia Farmaceutica della provincia e molte altre informazioni sanitarie utili alle migliaia di visitatori previsti in arrivo in città. Nelle farmacie del centro storico verranno inoltre distribuite le mappe del Tocatì con l’ubicazione dei giochi, delle mostre e dei punti di interesse tra cui quello della farmacia mobile nel fine settimana. Sabato 16 e domenica 17 settembre sarà, infatti, intensificata la presenza sanitaria grazie al camper-farmacia dell’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile posizionato in Piazza Viviani dove opereranno i farmacisti di Protezione Civile, Federfarma Verona e Agifar, l’Associazione Giovani Farmacisti. In aumento per il fine settimana anche l’accessibilità alle farmacie territoriali del centro con aperture in deroga per garantire quanti più presidi sanitari aperti.

 

«La presenza dei farmacisti e l’utile guida “La salute per tutti” realizzata da Federfarma Verona in collaborazione con il liceo di lingue straniere Lavinia Mondin rappresentano un supporto alle strutture sanitarie che opereranno in loco e naturalmente alle strutture ospedaliere – spiega Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -. La funzione di raccordo sanitario svolta dalla farmacia mobile verrà ulteriormente incrementata dalle farmacie aperte in deroga nel centro città, comprese quelle in turno di Guardia Farmaceutica, che opereranno a pieno ritmo per servire turisti e veronesi. Utile il servizio “Farmaco Pronto” allo 045/509892 per la consegna di farmaci urgenti quando si verifica l’impossibilità a recarsi in farmacia, offerto gratuitamente da Federfarma Verona anche ai turisti che abbiano avuto accesso alla Guardia Medica. Ricordo, infine, la presenza dei cardiodefibrillatori semiautomatici esterni per emergenza (DAE) realizzati con il progetto di Federfarma Verona “Farmacuore, in collegamento h24 con la centrale del 118 Verona e posizionati davanti alla farmacie nell’ambito del percorso “Verona Città Cardioprotetta”».

 

«Ringraziando Federfarma Verona, Farmacisti Volontari e Agifar per la loro presenza ricordo quanto sia importante il rinnovo di questa collaborazione – spiega Giorgio Paolo Avigo, presidente Associazione Giochi Antichi – che arricchisce l’edizione 2017 di “Tocatì” con servizi sanitari che sottendono una sempre maggiore attenzione al tema della salute. La nostra è una grande festa che coinvolge tutta la comunità e i partner, come in questo caso, sono essi stessi attori della manifestazione e contribuiscono con il proprio intervento alla sua gestione ottimale».

 

«Offriamo come volontari al Tocatì la presenza del nostro camper-farmacia e dei colleghi farmacisti perché la nostra missione non è solo emergenziale, ma è anche in grado di offrire un servizio di garanzia – spiega Paolo Pomari, presidente dell’Associazione Farmacisti Volontari in Protezione Civile di Verona -. La presenza di un presidio sanitario posto nel cuore della manifestazione e a diretto contatto con il pubblico costituisce un elemento di maggiore sicurezza per lo svolgimento della manifestazione. Abbiamo appena concluso la missione nelle zone colpite dai terremoti del Centro Italia dove abbiamo verificato quanto sia stato necessario l’apporto dei farmacisti per la salute della cittadinanza in una situazione estremamente critica. Qui la situazione è festosa, ma quando si verificano grandi assembramenti di persone la necessità di presidi sanitari aumenta necessariamente».