FARMACI, servizio continuativo: Federfarma Catanzaro interessa il prefetto

0
409
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata proposta da Federfarma Catanzaro, l’ISTANZA DI ESPERIMENTO DI TENTATIVO OBBLIGATORIO DI CONCILIAZIONE PRESSO LA PREFETTURA DI CATANZARO- art.  2, comma 2, l. 12 giugno 1990, n. 146, per il  ritardato pagamento alle farmacie private dei farmaci erogati in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale.

La situazione è particolarmente grave, seria ed allarmante, atteso che, come evidenziato dalla allegata situazione aggiornata dei pagamenti, l’inadempimento dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro riguarda un periodo di ben tre mesi, (aprile, maggio e giugno 2017) oltre alle  fatture di assistenza protesica e le fatture per prodotti per celiaci, al quale si aggiunge l’ingente mole dei danni non ancora smaltiti scaturenti dai numerosi giorni di ritardo con cui sono stati pagati i farmacisti.

Incaricati del servizio pubblico di assistenza farmaceutica per conto delle Aziende Sanitarie, impegnati a garantire la disponibilità di tutti i medicinali, obbligati a pagare fornitori e dipendenti, costretti a fare ricorso al prestito bancario, i titolari di farmacia della Provincia di Catanzaro si trovano stretti nella morsa di disagi finanziari, in molti casi – soprattutto le farmacie rurali, comunque tenute a garantire il servizio nel territorio di competenza – difficilmente sostenibili.

Le farmacie private della provincia di Catanzaro rappresentate dalla FEDERFARMA Catanzaro intendono, pertanto, agire per arrivare ad una rapidissima e definitiva risoluzione del problema.

Lo sforzo già profuso in tale direzione dall’associazione sindacale istante è piuttosto ingente come attestano per un verso i numerosi mesi dai quali le farmacie private interessate continuano ad erogare l’assistenza farmaceutica pur essendo a corto di liquidità ed in situazioni finanziarie soffocanti, per un altro la vasta mole di iniziative poste in essere per addivenire ad un bonario componimento della questione mediante proposte, incontri, documenti con le Azienda Sanitaria interessata.

Fornitori, dipendenti, tasse, sono tanti gli impegni economici che le farmacie  sono chiamate ad assolvere senza possibilità di rinvii, se si vuole che gli assistiti possano continuare a ritirare i farmaci di cui hanno bisogno, beneficiando di uno dei pochi servizi sanitari che in Calabria ha sempre funzionato senza problemi.

Viceversa, proseguire così significa portare alla chiusura di molte farmacie, soprattutto quelle ubicate nei centri abitati più piccoli, dove rappresentano spesso l’unico presidio sanitario disponibile, e conseguentemente, ad un irreparabile deterioramento del servizio farmaceutico.

Pertanto la FEDERFARMA Catanzaro in persona del suo Presidente in ossequio al dettato normativo, tenterà dapprima la conciliazione presso la PREFETTURA di CATANZARO, dalla quale si attende una rapida convocazione, fallita la quale si darà seguito allo sciopero delle Farmacie private della Provincia nei seguenti termini: lo stato di agitazione nell’assistenza farmaceutica consisterà nella chiusura volontaria di tutte le farmacie private della provincia di Catanzaro, ad eccezione delle farmacie tenute ad espletare il servizio continuativo in base ai turni determinati dall’Azienda Sanitaria territoriale competente per il 21 agosto 2017.