Truffa ai danni dello stato: tsunami sanitario in Sicilia, 34 arresti

0
703
Print Friendly, PDF & Email

Il nas carabinieri di Palermo, a conclusione di un’articolata attività investigativa avviata d’iniziativa e coordinata della Procura della Repubblica presso il tribunale di Termini Imerese, ha notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari iniziate nel 2012.

Il provvedimento ha raggiunto 34 persone, tra medici, infermieri e personale amministrativo in servizio presso una fondazione ospedaliera con sede a Cefalù e presso l’assessorato regionale della Salute, in quanto ritenute responsabili – a vario titolo, autonomamente e in concorso tra loro, di peculato, falso, truffa ai danni del servizio sanitario regionale e illecita gestione di specialità medicinali ad azione stupefacente, per un totale di 87 capi di imputazione.

Le contestazioni derivano in larga parte dall’aver agevolato l’accesso di alcuni pazienti all’unità operativa di chirurgia generale della fondazione ospedaliera a danno dei pazienti regolarmente in lista d’attesa per il ricovero e non assistiti direttamente da personale medico della medesima struttura sanitaria, in violazione sia delle normative nazionali e regionali relative alla prenotazione delle prestazioni sanitarie e accesso alle liste per poi essere sottoposti ad intervento chirurgico, sia riguardo alla compartecipazione al costo delle prestazioni sanitarie.

E’ stato pertanto leso, con il compimento deliberato di favoritismi e discriminazioni, il principio fondamentale dell’imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione.

Le indagini sono state avviate quando, a seguito di un controllo delle sostanze ad effetto stupefacente in dotazione al blocco operatorio della Fondazione in argomento, furono scoperte sia delle irregolarità sulla loro gestione, sia sull’esecuzione di un intervento chirurgico eseguito in maniera illegittima dal primario e da altri medici che non documentarono come previsto l’intervento eseguito su una paziente minorenne.

Le indagini hanno fatto emergere che l’operazione fantasma sulla bambina era solo uno dei tanti, compiuti con le stesse modalità illecite, per favorire la propria attività libero professionale e trarne conseguente ingiusto profitto economico.

Nello specifico, sono stati eseguiti interventi chirurgici privati utilizzando illecitamente le sale operatorie e i farmaci in dotazione all’ospedale, avendo cura di non lasciare traccia alcuna sui relativi registri.

Inoltre, il medico utilizzava equipe mediche ed infermieristiche riservate alle urgenze.