16mila farmaci contraffatti sequestrati in una FARMACIA a Ottaviano. Ruggiero (LPI) alla Racca (FEDERFARMA): «Quando sarà trasmessa l’ultima puntata della fiction “Siamo i più sicuri”?»

0
2321

Ad Ottaviano, in provincia di Napoli, i carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità, hanno sequestrato, in una farmacia, sedicimila scatole di medicinali.

La notizia è stata riportata da alcune testate giornalistiche partenopee (per la precisione è stato pubblicato anche da “ilfattovesuviano”).

Ivan Giuseppe Ruggiero, presidente di Libere Parafarmacie Italiane, si è rivolto direttamente alla presidente di Federfarma, AnnaRosa Racca, in merito all’accaduto: «E’ stato detto al collega che i farmaci si vendono con tutte le fustelle? 16mila medicinali fuorilegge non possono essere frutto di una disattenzione da briscola o tresette».

E ancora: «Salute solo il farmacia, dice spesso. Così come dice anche che le farmacie sono più sicure delle parafarmacie. Ora sono davvero curioso di sapere cosa dirà al ministro della salute, Beatrice Lorenzin. Vorrei sapere cosa si inventerà per differenziare i due esercizi. Ad andare avanti così, sarà difficile trovare nuovi elementi per continuare con la fiction “Siamo i più sicuri”».

Ruggiero sveste i panni comici per affrontare il discorso in maniera seria, professionale: «Ma sicuri di cosa? Le consiglio di fare Ecm su come debbano essere dispensati i farmaci con obbligo di ricetta, da chi debbano essere dispensati, e soprattutto su come si debbano essere presentate le confezioni di medicinali da dispensare. Iniziamo da qui».

Il presidente di Libere Parafarmacie Italiane continua: «Spero che si faccia sentire in questa storia, che lede professione e categoria, sempre più indignata, anche e soprattutto per le ultime scelte del ddl concorrenza».

Va nel dettaglio: «E’ facile creare un luogo comune, sparare su una categoria, come le parafarmacie. Poi, però, si assiste quotidianamente a scempi del genere. Lei si è concentrata a fare entrare il capitale nelle farmacie, in realtà non ne ho capito la ragione visto che ha sempre dichiarato l’ottima salute delle stesse e che si sarebbe paventato un fallimento solo con l’uscita della fascia C. Parliamo di massimo sessanta euro al giorno, una somma risibile che metterebbe in ginocchio il giro d’affari delle farmacie? Beh, gentile Racca, davvero un po’ pochino».

Ruggiero precisa prima di chiudere: «Cosa ne pensa degli oligopoli? Ha più volte criticato Francesco Pugliese, amministratore delegato di Conad, per come ha affrontato il tema delle liberalizzazioni. Bene, le farmacie si aprono al capitale dove quindi possono essere acquistate dalle Coop. Insomma una sequela di sciocchezze che ha stancato parecchia gente. Criticare la gdo per farla entrare a casa dal portone principale. Mi fermo qui perché credo sia giusto così. Sono sicuro che anche i colleghi titolari di farmacia siano d’accordo con me. Anche loro sanno che quasi certamente potranno perdere la titolarità. Con rispetto, la saluto».

foto: ilfattovesuviano