Salute: vista a rischio per un milione di italiani colpiti da glaucoma

0
91
Print Friendly, PDF & Email

Cinquecentomila lo sanno e si curano. Cinquecentomila non lo sanno e rischiano una progressiva perdita della funzione visiva. Un milione di italiani soffrono di glaucoma una “malattia cronica degenerativa” che danneggia progressivamente le cellule che collegano l’occhio al cervello. E’ una patologia “silenziosa” che colpisce senza farlo sapere, dovuta generalmente a un aumento della pressione all’interno dell’occhio. A livello mondiale, secondo l’OMS ne sono affette 55 milioni di persone ed è la seconda causa di cecità irreversibile.

Per informare e prevenire capillarmente, dal 12 al 18 marzo si svolge in tutto il mondo la settimana di sensibilizzazione dei rischi del glaucoma. L’Italia partecipa all’iniziativa con il primo Congresso Internazionale in programma a Roma dal 16 al 18 marzo a Villa Miani (via Trionfale, 151). L’evento è curato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Glaucoma – AISG, Sezione Italiana della European Glaucoma Society  e terminale nazionale della World Glaucoma Association.

“Il glaucoma – dichiara il Prof. Stefano Miglior, Presidente AISG e’ una malattia subdola. Ti colpisce senza fartelo sapere. Quando la scopri spesso è già tardi. Non a caso, viene definita ‘Ladro Silenzioso della Vista’, ed e’ una ‘malattia cronica degenerativa’. Vuol dire, che, se non appropriatamente gestita, può solo peggiorare. Uccide, senza darlo a vedere, le cellule che collegano l’occhio al cervello. Le cellule che formano il nervo ottico. E cosi’ facendo determina una progressiva perdita del campo visivo fino ad una perdita anche della visione centrale o acuita’ visiva. Il glaucoma è una malattia che ha un forte impatto sulla qualità della vita dei pazienti. Il convegno internazionale di AISG – conclude Miglior – rappresenta un evento di straordinaria importanza per condividere le migliori esperienze a livello mondiale e rafforzare la risposta della Medicina sul fronte della prevenzione e della cura”.