CONCORSO STRAORDINARIO PUGLIA – Il Tar blocca l’interpello. Si torna nel pantano

1
768
Print Friendly, PDF & Email

Come è noto la Regione Puglia con DGR n. 2033 del 13/12/2016 (BURP n. 147 del 22/12/2016), ha approvato e pubblicato l’elenco delle 85 sedi di farmacie da assegnarsi tramite il secondo interpello.

La  procedura che ha determinato la scelta delle predette sedi, da parte dei candidati, si è conclusa il 20 gennaio 2017.

L’assegnazione delle sedi opzionate deve essere confermata o  rifiutata dai candidati entro il 10 febbraio 2017, tramite le procedure di accettazione indicate sul portale del Ministero della Salute.

In data odierna, quest’Ordine è venuto a conoscenza che il Presidente della Seconda sezione del TAR Puglia con Decreto n. 00061/2017 ha accolto l’istanza cautelare proposta dagli assegnatari della sede farmaceutica n. 2 di Muro Leccese e, per l’effetto, ha sospeso “…l’efficacia degli atti impugnati, per quanto di interesse, fino all’esito della trattazione collegiale dell’istanza alla camera di Consiglio del 21 febbraio 2017” (cfr. all.1).

La Regione Puglia, pertanto, in ottemperanza al suddetto Decreto, che ha impugnato gli atti relativi al 2° interpello, ha stabilito di mantenere immodificato il termine di accettazione,  fissato per il giorno 10 febbraio p.v. e di sospendere le assegnazioni delle rispettive sedi di farmacia fino al pronunciamento del TAR Puglia sull’istanza cautelare che sarà discussa all’udienza del 21 febbraio 2017 (cfr.all.2).

Sarà cura di quest’Ente ritornare tempestivamente sull’argomento per informare gli iscritti sulle decisioni che saranno adottate al riguardo.

Sen. Luigi D’Ambrosio Lettieri

  • peterpan

    Una grandissima stronzata visto che i candidati, oggetto della sentenza, hanno scelto una sede sub judice del quale erano perfettamente consapevoli. Il bando parlava molto chiaro, non vedo dove stia il problema. Si assumano le proprie responsabilità di scelta senza danneggiare gli altri vincitori.