Print Friendly

Federfarma esprime apprezzamento per l’aggiornamento dei LEA, in particolare ringraziando il Ministro Lorenzin per l’impegno profuso,  e auspica che i nuovi livelli siano introdotti a breve nella realtà sanitaria italiana per migliorare ulteriormente l’assistenza sanitaria fornita ai cittadini.

“Nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza viene riconosciuto il ruolo della farmacia dei servizi che entra cosi’ a pieno titolo nelle prestazioni che il SSN è tenuto ad erogare per dare ai cittadini una assistenza migliore.  E’ espressamente sancito l’importante apporto che la farmacia può dare, nell’ambito del SSN, non solo con l’erogazione dei medicinali, ma anche con la fornitura di prestazioni aggiuntive la cui validità ed efficacia viene riconosciuta dal sistema sanitario pubblico.”  osserva con soddisfazione Annarosa Racca, presidente di Federfarma.

Soddisfazione anche sul fronte della grande attenzione data alle vaccinazioni dal Ministero e dalle Regioni, dimostrata con  l’ampliamento dell’offerta e anche  dal nuovo Piano vaccinale.

“I vaccini sono una grande conquista della scienza e della medicina – osserva Annarosa Racca, presidente di Federfarma –  hanno ridotto la mortalità infantile e aumentato il livello di salute della popolazione, hanno eliminato malattie gravissime di cui ora sta scomparendo anche il ricordo, a partire dalla poliomielite e dal vaiolo. Purtroppo da alcuni anni è in atto una gravissima campagna di disinformazione che ha determinato una  preoccupante diminuzione del livello di vaccinazione da parte della popolazione. E’ quindi importante che i LEA abbiano posto  a carico del SSN nuove vaccinazioni, o ampliato la platea dei soggetti aventi diritto, e positivo che la legge di Bilancio 2017 abbia creato uno specifico fondo per  l’acquisto di vaccini da parte delle Regioni.

Confermo la disponibilità delle farmacie e auspico che possano essere maggiormente coinvolte nelle campagne vaccinali, come avviene in altri Paesi europei, sia per quanto riguarda la diffusione ai cittadini  di una corretta informazione sui vaccini,   che contrasti la diffusione di notizie false che si rincorrono amplificate dal web,  sia per la concreta attuazione delle vaccinazioni.”