Ricetta medica cannabis: istruzioni e facsimile. A cura del dottor Marco Ternelli (Farmagalenica)

0
2931

Date le molte richieste da parte di Medici e pazienti e diverse incertezze su come deve essere redatta una ricetta medica cannabis, Farmagalenica SNC rende disponibile al download diversi facsimile di ricette mediche utilizzabili per la prescrizione a pagamento della cannabis terapeutica.

FONDAMENTALE è sapere che:

  1. tutti i facsimile presenti sono relativi alla prescrizione della cannabis terapeutica su ricettario privato del medico (ricetta “bianca”) valida per l’acquisto esclusivamente a pagamento. NON ci sono facsimile per la prescrizione SSN perché attualmente non esiste una unica modalità di prescrizione della cannabis gratuita, ma varia da Regione a Regione (e comunque richiederebbe un ricettario SSN apposito).
  2. la ricetta medica cannabis a pagamento può essere redatta da QUALSIASI medico iscritto all’Ordine dei Medici Italiani: specialista, di base, ospedaliero, eccetera.
  3. all’interno di ogni facsimile sono riportate anche le istruzioni per la compilazione corretta secondo i dettami della Legge 94/98 (Legge “Di Bella”) e il recente DM 9 novembre 2015.
  4. non ci sono limiti quantitativi o di durata della terapia: può essere prescritto qualsiasi quantitativo per una durata qualsiasi. Questo perché trattasi di prescrizione a pagamento, mentre nella prescrizione a carico SSN (SSR) le Regioni possono imporre vincoli e limiti (es. massimo 30 giorni di terapia).
  5. il medico dovrà compilare per ogni assistito, una scheda Scheda per la raccolta dei dati dei pazienti trattati, da inviare alla Regione territorialmente competente secondo le indicazioni che le stesse Regioni forniranno. La Scheda è scaricabile direttamente cliccando QUI.
    Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla seguente pagina sul sito del Ministero della Salute.

Quali sono quindi le modalità per la prescrizione di cannabis tramite ricetta medica cannabis a pagamento che, si ricorda, è regolata dalla Legge 94/98?

Il Medico deve ottenere il consenso informato dal paziente, MA NON deve necessariamente indicarlo in ricetta (ha lo scopo di “tutelare” il Medico ed è di sua competenza soltanto, oltre al fatto che renderebbe nulla la privacy della ricetta). Fatto questo compila la ricetta medica su ricettario privato (ricetta bianca) con i seguenti formalismi:

  • codice NUMERICO o ALFANUMERICO del paziente, NON il nome e cognome o codice fiscale del paziente. La ratio è proteggere la privacy del paziente: solo il Medico prescrittore conosce la reale identità del paziente, associata al codice
  • data di redazione
  • timbro (o carta intestata) e firma del medico
  • prescrizione della sostanza incluso il titolo, tra i vari disponibili (es. Cannabis flos 19%/22% THC (Bedrocan) – 50 mg). L’indicazione del marchio di cannabis (Bedrocan, Bediol, Bedica, eccetera) non è obbligatoria, ma è FORTEMENTE raccomandata
  • forma farmaceutica: cartine / filtri / bustine / soluzione oleosa / capsule apribili per tisana / tintura / collirio
  • il numero di dosi (es. 10 cartine)
  • posologia che NON è obbligatoria, ma è molto raccomandato che ci sia. Il DM 9 novembre 2015 ha imposto di indicare la posologia in peso (es. 100mg 2 volte al giorno, oppure 1 capsula da 50mg). Non è chiaro cosa indicare nel caso di estratti…
  • motivazione della prescrizione o “esigenza di trattamento” (DM 9 novembre 2015), ovvero le esigenze particolari che giustificano il ricorso alla prescrizione estemporanea (es. “mancanza di prodotto industriale”, “trattamento del dolore in paziente resistente a terapie convenzionali”, ecc..), in base a quanto previsto dalla Legge 94/98. La diagnosi rientra a pieno titolo come “esigenza di trattamento).
  • età e sesso del paziente

Inoltre, il Medico compila anche la Scheda paziente, come spiegato nel punto 5 all’inizio di questo articolo.
Ogni ricetta medica cannabis ha una validità temporale di 30 giorni escluso quello di redazione e il farmacista ha l’obbligo (DM 9 novembre 2015) di consegnarne una copiatimbrata, datata e firmata dal Farmacista.
Di seguito, ecco alcuni facsimile per la prescrizione di cannabis aggiornati con i formalismi del DM 9 novembre 2015..

Ricetta medica cannabis Bedrocan cartine/bustine per tisana o vaporizzazione

Ricetta medica cannabis Bediol cartine/bustine per tisana o vaporizzazione

Ricetta medica cannabis micronizzata Bedrocan capsule apribili per tisana

Ricetta medica cannabis micronizzata Bediol capsule apribili per tisana

Ricetta medica cannabis Bedrocan olio di oliva (Cannabis Olive Oil)

Ricetta medica cannabis Bediol olio di oliva (Cannabis Olive Oil)

Ricetta medica cannabis Bedrocan tintura alcolica

Ricetta medica cannabis Bediol tintura alcolica

Ricetta medica cannabis Bedrocan estratto (resina RSO – Rick Simpson’s Oil / FECO – Full Extract Cannabis Oil)

Ricetta medica cannabis Bediol estratto (resina RSO Rick Simpson’s Oil / FECO – Full Extract Cannabis Oil)

 

Ricetta medica cannabis Bedrolite olio di oliva (Cannabis Olive Oil – CBD oil)

 

Ricetta medica cannabis Bedrolite tintura alcolica

 

Ricetta medica cannabis Bedrolite estratto (resina RSO Rick Simpson’s Oil / FECO – Full Extract Cannabis Oil)

Ricetta medica cannabis estratto in CO2 supercritica
IN PUBBLICAZIONE

Ricetta medica cannabis Bediol collirio sterile

DOMANDE FREQUENTI

Cosa si intendo con il termine OLIO?
Spesso si usa il termine “olio di cannabis” per riferirsi all’estratto alcolico, cioè la resina FECO o RSO, ma dal punto di vista farmaceutico, il riferimento corretto è al Cannabis Olive Oil, cioè all’estratto in olio di oliva. Probabilmente l’errore nasce dal termine americano oil che in italiano è tradotto letteralmente come OLIO, associandolo quindi automaticamente all’olio di oliva, quando in realtà si riferisce alla consistenza della resina alcolica.

E’ vero che da Dicembre 2015 NON è più possibile preparare olio di cannabis o altri estratti?
NO, non è vero. Il DM 9/11/2015 ha imposto un vincolo molto pesante per le farmacie, ossia di titolare ogni singola preparazione galenica magistrale di estratto. I macchinari e i costi da sostenere sono assolutamente proibitivi per la maggior parte delle Farmacie,eccetto alcune (pochissime) che potranno continuare a preparare cannabis olive oil, resine e altri estratti.

Qual’è la ricetta giusta da scaricare per una patologia oncologica?
La preparazione consigliata è quella della resina di cannabis in estratto alcolico RSO / FECO.
NOTA BENE: leggere molto, molto attentamente questo articolo (e assicurasi di averlo capito bene) prima di scaricare il facsimile.

Qual’è il DOSAGGIO dell’olio di cannabis, Cannabis Olive Oil, in olio di oliva?
Premessa: questa è una domanda che va girata direttamente al Medico nel momento in cui si inizia il trattamento.
Si comincia sempre con 1-2 gocce, 1 volta al giorno alla sera. Successivamente si passa a 2 volte al giorno, aumentando goccia a goccia fino a che non si ha effetto terapeutico; se mentre si incrementa compaiono effetti collaterali/indesiderati, non aumentare ulteriormente le gocce, ma attendere prima che si instauri tolleranza.

Dove posso trovare altre informazioni da mostrare al Medico?
Su disponibilità della ditta ACEF (uno degli importatori italiani di Cannabis terapeutica),alleghiamo un PDF esplicativo con molte altre informazioni di carattere tecnico, scientifico e bibliografico.

Per ogni altra domanda o dubbio, potete scrivere nei commenti.

Infine, ricordiamo che per visualizzare e contattare le Farmacie di Farmagalenica in grado di allestire e vendere cannabis terapeutica, indica e sativa, consultare il motore di ricerca cercagalenico.it (si aprirà una nuova pagina).

fonte: farmagalelica