Tecnologia e robotica a servizio della salute: scenari di un futuro già presente

0
191
Print Friendly, PDF & Email

App di monitoraggio, sistemi di telemedicina, nuove tecnologie abilitanti, bracci robotici stampati in 3D: sono solo alcune delle innovazioni che stiamo già vivendo oggi e che ci proiettano in uno scenario futuro in cui il supporto della tecnologia alla salute sarà sempre più indispensabile.

“Entro il 2044 oltre un terzo della popolazione in Italia avrà più di 65 anni, molti non lavoreranno e senza aiutanti robotici gli umani non ce la potranno fare: bisogna prepararsi ad una nuova coesistenza con le macchine.”

Lo ha affermato Roberto Cingolani, Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia (@IITalk) e autore del volume “Umani e umanoidi, Vivere con i robot” (Il Mulino, 2015), ospite e relatore presso la sede Sanofi di Milano per il terzo appuntamento con #MeetSanofi – aperitivi di carattere in 140 caratteri – dal titolo “Italia 2044: il futuro della salute”. Cingolani ha maturato una lunga esperienza tra Italia, Germania, Giappone e USA, è autore di circa 750 pubblicazioni scientifiche e ha al suo attivo 46 famiglie di brevetti. Ha anche rivestito numerosi incarichi in ambito nazionale e internazionale.

Per esplorare gli scenari attuali e tracciare ipotesi sul futuro, saranno presenti:

  • Michelangelo Bartolo, angiologo, direttore del reparto di telemedicina dell’Ospedale San Giovanni di Roma, membro del comitato di redazione del periodico e-Health Care e di Telemeditalia
  • Fabia Timaco, blogger e storyteller, che racconta la costruzione di FABLE, la mano stampata in 3D che presto potrà indossare grazie a Open Biomedical Initiative
  • Mafe De Baggis, digital media strategist.

 

Modera Daniela Poggio, Direttore della Comunicazione di Sanofi Italia.

Live tweeting con #MeetSanofi e diretta via Periscope.