Assogenerici: Stefano Collatina nuovo vice presidente

0
307
Print Friendly, PDF & Email

Stefano Collatina, hospital products business unit director di Baxter è stato eletto vicepresidente di AssoGenerici, con delega ai farmaci ospedalieri e ai rapporti con la PA, nonché coordinatore dell’Italian Biosimilar Group. Il dottor Collatina subentra al dimissionario Francesco Colantuoni di Hospira.

“A nome di tutti gli associati ringrazio il dottor Colantuoni per il grande impegno profuso in questi anni e auguro buon lavoro al dottor Collatina” ha dichiarato Enrique Häusermann, presidente di AssoGenerici.

Assogenerici (Associazione Nazionale Industrie Farmaci Generici) è l’organo di rappresentanza ufficiale dell’industria dei farmaci generici e biosimilari in Italia, all’avanguardia nel fornire medicinali a prezzi contenuti e di alta qualità a milioni di cittadini, contribuendo a stimolare la concorrenza e l’innovazione nel settore farmaceutico. Associa imprese sia medio piccole che multinazionali per una vasta gamma di farmaci, dai perfusionali ai galenici tradizionali ai generici fino agli innovativi biosimilari, distribuiti sia nelle farmacie al pubblico che negli ospedali.
Costituita nel 1993, Assogenerici rappresenta oltre 50 aziende farmaceutiche. Le aziende rappresentate all’interno di Assogenerici forniscono oltre 10.000 posti di lavoro diretti in Italia oltre l’importante indotto, altamente specializzato. I farmaci generici generano oltre € 400 milioni di risparmi ogni anno per il Servizio Sanitario Nazionale e per i pazienti, contribuendo così a garantire l’accesso dei pazienti a farmaci essenziali liberando, al contempo, preziose risorse per le nuove e costose terapie farmacologiche.
Assogenerici svolge un importante ruolo consultivo nel settore sanitario italiano. Assogenerici e i suoi membri lavorano con le istituzioni italiane ed europee per sviluppare soluzioni sostenibili per l’assistenza farmaceutica e per aumentare la forza competitiva l’Italia nel mercato farmaceutico mondiale.

MISSION
  • Diffondere la cultura del medicinale generico e garantire la sua equivalenza in termini di efficacia terapeutica, qualità e sicurezza con le specialità medicinali da cui deriva;
  • Sviluppare il mercato del generico allineando l’Italia agli standard europei;
  • Incentivare l’uso del generico come fattore di risparmio e strumento complementare alle politiche di razionalizzazione della spesa sanitaria, che consentano una riallocazione delle risorse a vantaggio dell’innovazione farmaceutica;
  • Promuovere politiche a favore del libero mercato e della libera concorrenza nel comparto farmaceutico come fattore di sviluppo, di razionalizzazione della spesa e di crescita dell’offerta terapeutica;
  • Rivalutare l’immagine e l’utilità sociale dei prodotti galenici tradizionali;
  • Sostenere le tematiche per una sempre maggiore trasparenza e coerenza nelle gare d’appalto per il mercato ospedaliero.