Parallel trade: convergenza normativa in difesa della figura del farmacista

0
475

mercato parallelo farmaciL’esigenza di contrastare i fenomeni di esportazione parallela, alla base dei numerosi casi di carenze farmaci che stanno creando difficoltà nella fornitura minima anche per i farmaci salva vita, è oramai divenuta vitale e non a caso da tempo di lavora per correggere in termini normativi i vuoti che ad oggi consentono legalmente di condurre il parallel trade.

Nelle ultime ipotesi di Governo, rispetto i ruoli di distribuzione da parte dei grossisti, un certo accento era stato posto sull’incompatibilità di ruolo tra questi ultimi e le farmacie in un quadro normativo, attualmente tale, capace di contemplare la sovrapposizione ruolo concisa proprio con l’aumento del fenomeno oramai divenuto incontrollabile col passare degli anni. Se sulla revisione di questo aspetto appare scontata l’unanimità generale degli addetti ai lavori, ben più articolato è invece la possibilità che nel fascio possa finire anche il ruolo del farmacista, con limitazioni oggetto di accurate riflessioni a tutela sia dei cittadini lesi dal parallel trade che dei professionisti che diversamente da altri non si collocano come “pseudo-grossisti” per condurre export. Sulla vicenda si è espresso anche il direttore generale di Federfarmaco che al termine di un discorso d’apprezzamento rispetto le volontà di limitare l’esportazione, ha chiarito il totale appoggio all’ipotesi mossa nelle ultime ore di Federfarma Servizi di rendere incompatibile con l’attività di distribuzione all’ingrosso non la figura del farmacista quanto piuttosto quella della farmacia come soggetto giuridico.

L’importanza e la necessità, ha inoltre ricordato Massimo Massa, di contrastare il fenomeno del parallel trade in assenza di un prezzo unico europeo, attualmente pura utopia, vanta infatti effetti collaterali espressi principalmente nell’ambito sociale con gravi danni arrecati alla popolazione e, vista anche l’immagine, al sistema farmacia leso in termini d’attività e di professionalità.