Farmacista di emergenza: al via i corsi i formazione col supporto della Protezione Civile

0
360
Print Friendly, PDF & Email

farmacista-volontario-300x186La necessità di estendere le competenze della categoria, chiamata in via diretta ad espletare le proprie conoscenze in molteplici campi ben al di là del semplice farmacologico, oltre che la presenza capillare delle farmacie sul territorio al punto da diventare dei punti di riferimento sempre più centrali per i cittadini e la collettività in senso più ampio, hanno permesso ai farmacisti di poter gettare un occhio in modo concreto alle emergenze. La casistica, particolarmente frequente nelle varie situazioni in Italia, ha reso infatti possibile la nascita della figura del farmacista di emergenza con corsi appositi coordinati col supporto della Protezione Civile.

Soltanto recentemente, in favore di questa formazione ritenuta sempre più importante e complementare alla figura stessa, sono stati condotti già diversi corsi di preparazione con l’Associazione pugliese dei Farmacisti Volontari capaci di assolvere due percorsi formativi, ovvero “L’Emergenza il ruolo dei farmacisti volontari e loro competenze ,criteri di gestione dei medicinali e dei dispositivi medici in caso di emergenza diffusa” e “Gestione sanitaria di eventi determinati da calamità naturali: il ruolo dei farmacisti volontari e di protezione civile rispettivamente tenutisi nel 2013 e lo scorso 18 Maggio 2014. Al fine di preservare la continuità di formazione, attualmente assente in modo capillare in tutta Italia nei confronti del farmacista di emergenza, è in programma il prossimo 21 Settembre un terzo evento denominato “Il ruolo del farmacista volontario dalla fase di emergenza al ripristino della normalità“, che permetterà attraverso un percorso pratico e teorico di poter assimilare le principali nozioni relative a casistiche di emergenze naturali come terremoti, alluvioni, frane e valanghe.

L’utilità di questi corsi, che si spera possano conseguire una maggiore frequenza nel breve termine in tute le principali Regioni italiane e soprattutto in quelle maggiormente esposte a calamità naturali, è stato riconosciuta dalla Protezione Civile il cui lavoro di supporto ai cittadini ed alle comunità disagiate ha potuto apprezzare l’utilità di una figura come quella del farmacista di emergenza. Per stimolare l’adesione, proposta ovviamente a volontari che abbiamo maturato la necessità e le opportunità di tali sbocchi per la professione, i corsi sono stati proposti con accredito ECM, interamente gratuiti e con validità, specialmente l’ultimo in programma, di 6 crediti formativi.