Farmacia Si Cura: al via la terza fase sperimentale del progetto

0
478

1074298552La destabilizzazione delle farmacie ad opera dei vari fattori che hanno inciso sui rendimenti economici, in termini di gestione, potrebbe essere ben presto “curata”, proprio come si suol fare per una patologia, dall’ambizioso progetto denominato “Farmacia Si Cura”, realizzato da Credifarma, Farmafidi, Promofarma e tutto i distributori aderenti, per la generazione di una sorta di consorzio interno, nel settore farmaceutico, attuo al recupero delle farmacie che necessitano di un piano di rientro per evitare il default di gestione, rientrando delle spese sostenute, mantenendo in piedi l’attività ed ottimizzandola per ristrutturare anche i debiti contratti.

Il progetto Farmacia si Cura è prossimo, dopo il superamento con brillanti risultati della seconda, alla terza fase sperimentale prima della disponibilità ufficiale su tutto il territorio con un sito specifico di consulenza, che effettuare una sorta di triage d’accesso per valutare le gravità ed i tipi d’intervento, oltre che con un foglietto illustrativo che mostrerà le modalità di recupero e ri-sostenibilità autonoma seppur guidata in un primo periodo con tempi variabili.

Nel dettaglio il progetto Farmacia Si Cura si articola su 3 fasi: “Due diligence“, “Business Plan” e”Finanziamento“. Nella prima, grazie al supporto ed alle competenze di specifici advisors, ovvero consulenti indipendenti, verrà effettuato uno screening dello stato finanziario, strutturale ed organizzativo della farmacia per redigere una valutazione che, nel caso di attività prossime eccessivamente al default o con pratiche di fallimento già avviate, porterà ad una bocciatura della richiesta. Nella seconda verrà redatto un piano di rientro specifico per ottimizzare costi ed entrate, col supporto di Promofarma, e garantire ai creditori il recupero delle somme dovute pattuendo un pagamento rateizzato, assicurato, a patto di cessare, durante il periodo stabilito, qualsiasi ingiunzione o istanza.

Ottimizzati tali aspetti, nella terza ed ultima fase, ovvero quella in fase di sperimentazione ma che dovrebbe fornire, in base alle previsioni, ottimi risultati, si otterrà il finanziamento per attuare proprio il business plan stilato col supporto di Credifarma e Farmafidi, il tutto con un accordo dal tempo variabile in base alle condizioni delle farmacie per rientrare, in tempi brevi, dalla situazione di crisi e riacquistare la propria autonomia gestionale.