Farmacie Comunali: sale l’offerta di cessione, ferma la domanda d’acquisto

0
442
Print Friendly, PDF & Email

Farmacie-comunaliE’ una situazione critica quella del mercato delle farmacie comunali, attualmente una delle attività meno collocabili a causa di tutta una serie di fattori che ne hanno abbattuto l’appetibilità, contrariamente a quanto sostenuto da una buona fetta d’opinione pubblica, oltre ad una domanda, all’atto di vendita, che non si adegua più alle disponibilità economiche, dando vita ad un stallo che vedo quindi salire l’offerta, ovvero le occasioni e le richieste di cessione, ma crollare la domanda, con nessun acquirente pronto a farsi avanti.

Negli ultimi mesi gli esempi lampanti sono stati vari, tra i casi più noti spiccano quello di Grosseto, con la farmacie comunale gestita in partnership multipla da municipio, Codifarma e Comune di Scansano, rimasta invenduta all’asta, destino immutato per le farmacie di Ceriate, in provincia di Savona, quelle di Campobasso, e Casapulla, provincia di Caserta. Il mercato attuale delle farmacie comunali vede i Comuni, e buona parte dei gestori in partecipazione, pronti a cedere senza voler scendere al di sotto delle richieste che un tempo avrebbero sicuramente trovato un riscontro, ma che attualmente frenano un sistema privo di utenti disposti a rilevare le attività.

Nel tentativo di poter recuperare qualcosa, a Terni il Comune ha avviato quindi un meccanismo di privatizzazione della farmacia in azienda speciale in spa, allo scopo di poterne cedere le quote alla prima occasione con una modalità che possa risultare, per il mercato, più appetibile, maggiormente assorbibile e sopratutto meno onerosa per eventuali acquirenti che per il momento continuano a latitare. Situazione quindi complessa quella delle farmacie comunali, diventate attività da cedere al più presto e quasi indesiderate, coi Comuni in deficit che vorrebbero poterci recuperare qualcosa ed i cittadini che, nella maggior parte dei casi, si battono per evitare la dismissione di quelle che, attualmente, sono gli unici punti di riferimento che gli utenti hanno sul territorio col Ssn.